30 October 2020

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

Era il 1967, quando, nel corso delll’Esposizione Universale di MontréalAlfa Romeo mostrava il primo prototipo di Alfa Romeo Montreal, auto storica, destinata a segnare il mondo dell’automotive con il suo design e le sue caratteristiche uniche.

Tre anni dopo nel 1970, nel corso del salone di Ginevra, Alfa Romeo presentò la versione di serie della Montreal, dando inizio alla storia di questo straordinario mezzo.

Si tratta di una vettura che destò l’attenzione di molti, arrivando anche ad essere criticata a causa dei suoi colori sgargianti e delle sue caratteristiche che la rendevano differente dalla produzione dell’epoca.

Alfa Romeo Montreal ebbe anche un ritardo nella commercializzazione dovuto alla grande crisi energetica che colpì il mondo proprio in quel periodo.

A caratterizzare il particolare mezzo, capace di fare la storia e, ancora oggi, tra le più ambite auto d’epoca, oltre all’estetica, troviamo il motore, derivato dall’Alfa Romeo 33 da competizione, alimentato ad iniezione, lubrificato da dodici litri di olio, e affiancato da un sistema a carter secco, dotato di cambio ZF a cinque marce e dal differenziale autobloccante.

Un mezzo potente, in grado di dare prestazioni eccellenti su strada grazie a caratteristiche eccezionali.

La particolare e appariscente Alfa Romeo, iniziò così la sua particolare storia, diventando in breve tempo icona e percorrendo una lunga strada quel particolare annuncio, lanciato da un prototipo, destinato nel tempo a diventare una vera e propria icona dell’universo Alfa Romeo.

Una storia particolare, davvero unica se la riguardiamo con gli occhi di oggi, con design completamente differenti, e una corsa all’elettrico, arrestata dal coronavirus, ma destinata a caratterizzare le auto del futuro.

Il mondo automotive, oggi in profonda crisi, vive ancora delle sue vecchie gloria, e di una storia lunghissima fatta di geniali designer e mezzi divenuti simbolo dell’auto con le loro carrozzerie uniche e le loro caratteristiche mai ripetute.

Auto italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy