1 October 2022

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori
Nissan motore elettrico NASA

Nissan sta lavorando all’ottimizzazione delle batterie al litio.

Uno degli obiettivi più complessi della svolta elettrica dei motori e che potrebbe decretare il vero leader del settore.

A destare interesse è però la notizia che vede Nissan a lavorare direttamente con la NASA.

L’agenzia spaziale americana, collaborerà infatti con Nissan, impegnata a creare batterie sempre più piccole e sempre più rapide da ricaricare. A quanto pare la nuova batteria Nissan avrebbe la capacità di ricaricarsi in soli 15 minuti.

A permetterlo è la combinazione zolfo-selenio che potrebbe portare molti vantaggi in un settore a modo suo ancora pionieristico.

La collaborazione fra Nissan e NASA, prevede un lavoro di test continuo alla ricerca di una combinazione chimica ottimale per ridurre al massimo le dimensioni delle batterie e rendere più rapida la ricarica.

L’obiettivo è quello di creare batterie che potrebbero avere anche utilizzi nell’esplorazione spaziale e nelle missioni della NASA.

Non è la prima volta che la compagnia collabora con aziende automobilistiche; questa volta però i risultati del progetto potrebbero rivoluzionare l’intero settore.

Il punto debole delle auto elettriche, al momento rimane ancora la batteria.

La scarsa potenza, la difficoltà nella ricarica, oltre al problema della sostenibilità di elementi altamente inquinanti e complessi da smaltire.

Le cose potrebbero cambiare se venisse scoperta una soluzione migliore rispetto a quelle attuali.

Il lavoro di Nissan e NASA potrebbe quindi trovare, a lungo andare, la combinazione perfetta per risolvere i problemi dei motori elettrici.

Ancora più importante sarebbe una riduzione dei costi e dell’impatto ambientale che potrebbe segnare davvero l’avvento delle auto elettriche.

Per quanto sponsorizzate infatti, le nuove auto a motore elettrico stanno faticando a conquistare il mercato, anche a causa del costo elevato dei prodotti.

Un mezzo elettrico costa infatti cifre esorbitanti rispetto a una normale auto e scoraggia gli utenti dall’acquisto, in particolare nel momento attuale.

Auto straniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy