1 December 2021

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori
Crisi Airbag

La National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) ha aperto una maxi inchiesta che vede nel mirino gli airbag della compagnia giapponese Takata.

A riportarlo è Reuters, che ha reperito un documento dove si parla di un’inchiesta riguardo ben 30 milioni di veicoli, prodotti da oltre 20 Case automobilistiche nel periodo tra il 2001 e il 2019.

La possibilità è che ci siano dei problemi importanti nel funzionamento degli airbag di milioni di auto, una situazione che potrebbe esporre gli automobilisti a rischi.

L’inchiesta riguarderebbe le principali compagnie automobilistiche.

Se dovesse emergere un problema grave potremmo assistere a un costo enorme per le compagnie, che dovrebbero sostituire gli airbag difettosi.

Tra i nomi troviamo: Honda, Ford, Toyota, General Motors, Nissan, Subaru, Tesla, Ferrari, Mazda , Daimler, BMW, Chrysler, Porsche e Jaguar Land Rover.

Ad aggravare la situazione c’è il fatto che i problemi non si sono risolti con le prime riparazioni. Potrebbe trattarsi di un difetto di progettazione praticamente insormontabile.

Il difetto, al momento è considerato colpevole di 28 decessi a livello globale e oltre 400 feriti. Praticamente molti degli airbag di questo tipo potrebbero non funzionare, risultando di fatto inutili.

Questo porterebbe a una importante crisi, dal momento che diventano imputabili le stesse compagnie che vendono le auto promettendo una sicurezza che non è presente.

I difetti degli airbag, potrebbero infatti significare una mancata fase di test, o comunque un periodo di sperimentazione non efficace, oltre a una certa superficialità con cui le grandi aziende si sarebbero occupate di un elemento chiave come gli airbag, spesso tra le caratteristiche uniche dei nuovi mezzi.

Al momento l’inchiesta è in corso, ma di sicuro sta facendo tremare il mondo auto.

Potrebbe infatti essere necessaria una sostituzione completa. Problemi più grossi potrebbe averli l’azienda produttrice, che si troverebbe a dover risarcire cifre enormi alle compagnie auto. Staremo a vedere come evolverà la situazione.

Auto italiane , Auto straniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy