11 December 2019

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

Arrivano le novità del decreto ambiente che vanno ad incidere sulla rottamazione.

Sarà possibile usufruire subito delle novità anche se l’importo scenderà dai 2.000 euro previsti inizialmente a 1.500.

Le nuove norme sono valide solo tre anni e per alcuni Comuni.

Secondo la nuova bozza di decreto, ci saranno tre anni per sfruttare il bonus rottamazione.

Nel particolare il bonus potrà essere richiesto in Comuni come Milano, Torino e Roma, al momento sotto procedura per motivi di inquinamento.

A chi rottama entro il 31 dicembre 2021 autovetture omologate fino alla classe Euro 4 sarà dato, fino ad esaurimento un “buono mobilità” di 1.500 euro che sarà possibile utilizzare per vari tipi di spostamento pubblico, dal treno al car sharing, tutto nell’ottica di diminuzione delle auto e dell’inquinamento.

Sono stati stanziati 205 milioni.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa spera di varare il decreto entro il 3 ottobre.

Tutto questo, come abbiamo detto fa parte delle “misure per incentivare la mobilità sostenibile nelle aree metropolitane”.

L’idea è proprio quella di spostare i trasporti dal privato al pubblico, riducendo inquinamento e emissioni utilizzando meno auto.

Una notizia che potrebbe non piacere all’industria dell’auto, la prima a cadere nel mondo che verrà.

La situazione attuale sembra infatti diventata insostenibile e la produzione costante in cerca di nuovi acquisti di auto impossibile da portare avanti.

Nonostante il cambio verso auto green ed elettriche, la nostra previsione è quella di un forte calo, inevitabile del mercato.

Il bonus rottamazione e il piano della bozza mostrano un’evidente ricerca di abbandono dei mezzi privati, sovrabbondanti e inquinanti che hanno caratterizzato una intera epoca.

Nel futuro forse non avremo la nostra auto personale, o comunque non ne avremo 4 o 5 per famiglia.

I mezzi pubblici saranno però per forza di cose potenziati, portando magari ad un nuovo mondo di ingegneria automobilistica e a nuove sfide sotto questo punto di vista.

 

Auto italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy