22 November 2019

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

Va al team belga Agoria, dell’Università KU di Lovanio, il primo posto nella World Solar Challenge 2019, particolare gara che dimostra la potenza delle auto solari.

I mezzi avveniristici, si sono sfidati per 3.000 km attraversando l’entroterra australiano, da Darwin a nord ad Adelaide a sud.

Una distanza che l’auto vincitrice è riuscita a percorrere in 34 ore, 52 minuti e 42 secondi, muovendosi a una velocità media di 86,6 km/ora.

Seconda classificata è l’auto giapponese Tokai Challenger della Tokai University.

Terza si classifica invece Electrum dell’University of Michigan, con una media di 84,4 km/ora.

La vittoria della Belga però è dovuta all’auto favorita che ha preso fuoco a 260 km dall’arrivo.

Il pilota si è salvato, il team però ha visto i sogni di vittoria andare letteralmente in fumo.

Una competizione davvero unica che vede auto elettriche particolarissime e dal design unico, sfidarsi in una gara senza tregua che copre quasi una settimana.
Il Bridgestone World Solar Challenge è una delle più importanti competizioni di auto solati, nata nel 1987 proprio con l’obiettivo di dimostrare la potenza dei mezzi ad alimentazione solare.
Chris Selwood, organizzotore dell’evento, spiega quanto il rally sia diventato importante nel corso degli anni, grazie anche all’affermarsi della nuova tecnologia, considerata il futuro per molti mezzi di trasporto.

“In questi tempi in cui il mondo dibatte il cambiamento climatico e cerca soluzioni a una mobilità più sostenibile, questi incredibili giovani stanno innovando e collaborando verso un mondo migliore”.

L’alimentazione solare potrebbe infatti cambiare radicalmente il mondo auto, e forse addirittura salvarlo, dato che, molto presto, l’attuale sistema di alimentazione diventerà insostenibile.

L’inquinamento auto sarà fermato, anche attraverso legislazioni.

Le auto ad energia solare potrebbero essere quindi il vero futuro del mondo dei trasporti, sia pubblici che personali.

Il rally, dimostra la potenza di questi mezzi e le possibilità offerte dall’energia solare a zero emissioni, a differenza delle elettriche che richiedono comunque moltissima elettricità con relativi costi ambientali.

Auto straniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy