19 April 2021

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

La Mitsubishi resterà in Europa, cambiando quindi la decisione di abbandonare il vecchio continente, annunciata lo scorso anno.

A quanto pare la compagnia giapponese, punta ancora al mercato europeo e continuerà a vendere i suoi prodotti sfruttando la produzione europea per abbattere i costi di importazione.

Sarà infatti proprio Renault che, a partire dal 2023, si occuperò della creazione dei due nuovi modelli della Mitsubishi.

L’impianto produttivo europeo, sarà quindi utilizzato per produrre il mezzo giapponese, permettendo alla compagnia di rimanere nel nostro mercato.

Al momento i mezzi Mitsubishi disponibili in europa sono i suv Eclipse Cross, ASX e Outlander, l’utilitaria Space Star e il pick-up L200.

La presenza della compagnia in europa, aiuterà Renault a gestire la capacità produttiva; questo significa fabbriche a regime e più posti di lavoro.

Al momento infatti molte fabbriche europee non lavorano a profitto; una strategia che potrebbe quindi aiutare sia l’azienda giapponese a mantenere un mercato estero, che la stessa europa a rendere profittevoli le fabbriche attive.

La decisione di abbandonare il mercato europeo, era maturata dopo le vendite molto basse dei prodotti Mitsubishi, rese ancora minori con il periodo di lockdown e in generale della pandemia.

Sembrava che Mitsubishi fosse pronta ad abbandonare l’europa, come paese con scarso profitto e costi elevati.

Con la soluzione, arrivata attraverso la mediazione di Renault, gli amanti di queste splendide auto, potranno ancora ottenere la loro Mitsubishi senza complicate importazioni e senza prezzi eccessivi.

Mitsubishi produrrà infatti direttamente negli stabilimenti Renault, una cosa che può suonare un po’ strana ma che vanterà comunque materiali e progetti originali della casa giapponese.

A questo punto non possiamo che attendere il lancio dei nuovi mezzi Mitsubishi, azienda che da sempre si distingue per il design dei suoi veicoli e per le soluzioni tecnologiche, tipiche della produzione nipponica.

Almeno per ora avremo ancora accesso a questo brand storico.

Auto straniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy