22 November 2019

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

Mentre il mondo si muove verso il modello elettrico, ecco che un’azienda come la Hyundai sembra puntare sempre di più sull’idrogeno.

L’idrogeno sarebbe l’alternativa della compagnia alle auto a zero emissioni.

Il progetto, datato al 2018, prende il nome Fuel Cell Electric Vehicle (FCEV) 2030 Vision ed è stato finanziato con 6,4 miliardi di dollari.

Tra i tanti progetti di Hyundai c’è un particolare camion, Neptune, camion a idrogeno dalle forme futuristiche che sembra uscire da un libro di fantascienza degli anni 50.

Hyundai HDC-6 Neptune vanta una motrice alimentata con fuel cell, una pila che estrae idrogeno e lo combina con l’ossigeno preso dall’esterno dando l’energia necessaria al camion.

Il vantaggio di un mezzo a idrogeno è che può essere rifornito in pochi minuti, a differenza dei motori elettrici che necessitano moltissimo tempo per mezzi di questo genere.

L’estetica dello Hyundai HDC-6 Neptune è ispirata ai treni USA degli anni 30.

Le forme sono davvero futuristiche e il design minimale dona uno stile inconfondibile al mezzo.

Vedere i prototipi di Neptune è davvero affascinante e ci mostra le strade imprevedibili che potrebbero prendere i mezzi del futuro.

Il settore elettrico non è che uno dei tanti tentativi di ridurre l’impatto dei mezzi sul nostro ambiente.

Nulla vieta che tecnologie come quella di Hyundai possano avere il sopravvento, soprattutto mettendo da parte in modo totale l’elemento petrolio.

E’ proprio il fabbisogno energetico che mette i più grandi dubbi sulle auto elettriche.

Anche se le auto non inquinano infatti, c’è da tenere di conto come, moltissime nazioni, producano elettricità bruciando petrolio, questo elemento non farebbe altro che spostare il problema a monte senza cambiare la situazione ambientale.

L’idrogeno potrebbe quindi essere un futuro più solido per il mondo auto.

Staremo a vedere quale sarà il futuro di questi nuovi mezzi, di sicuro, le prime immagini sono davvero affascinanti.

Auto straniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy