24 September 2017

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori
Donne incinte in auto

L’attenzione alla guida non è mai troppa e infatti il numero di incidenti non accenna a scendere. Se a questo si aggiunge il fattore delicato della gravidanza, allora occorre leggere e informarsi sulle nuove norme e sull’uso delle cinture di sicurezza che riguarda le donne incinte.

Se sei una donna in dolce attesa, innanzitutto, tanti auguri! Se invece sei un marito o un fidanzato sempre in attesa, ma di una grande emozione, allora in ugual misura questo articolo ti sarà parecchio utile per assicurare alla tua metà la tranquillità necessaria alla guida.

Guidare in gravidanza non è proibito né impossibile, ma prima è necessario conoscere alcune norme. Bisogna inoltre essere più prudenti soprattutto nell’ultimo trimestre prima del parto effettivo.

Il simbolo per eccellenza di sicurezza, quando si parla della guida, sono le apposite cinture di sicurezza, che in quanto tali non devono essere evitate a maggior ragione se si è in attesa di un bimbo; la protezione che garantiscono, infatti, è rivolta sia alla mamma sia al piccolo in grembo.

Questo perchè la gravidanza non è considerata malattia, e le cinture di sicurezza sono da evitare solo nei casi di malattie o condizioni fisiche particolari in cui potrebbero rappresentare più un rischio che una sicurezza (come spiegato dall’articolo 172 Comma 8 del Codice della Strada).

Tuttavia, solo in un caso particolare la donna incinta può non usare le cinture (come spiega ancora il Codice), ovvero in caso di una certificazione medica ginecologica che attesti il rischio dovuto proprio all’uso delle stesse.

Come vanno indossate? E’ semplice, bisogna posizionare la fascia trasversale tra il seno e la pancia, e quella bassa orizzontale sotto il pancione, sia come automobilista che come passeggera. In alcuni negozi, in caso di difficoltà nell’operazione, è possibile acquistare un cinturino regolabile.

La donna in attesa che vuole mettersi alla guida, è bene che si tenga dritta con la schiena e che tenga lontano il sedile dal volante (circa 20-25 cm), sempre rimanendo comoda coi pedali e vigile riguardo alla visuale. Sconsigliati i lunghi viaggi senza piccole soste o guide in stato di ansia e stress.

Guidare dal sesto mese in poi solo se si è sufficientemente forti, non disattivare l’airbag (ulteriore fonte di sicurezza) e in caso di incidente, contattare prima di tutto il ginecologo.

 

 

Piloti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *