18 November 2017

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori
novita' revisione auto

In questi giorni si sente molto parlare di nuove regole che riguardano la revisione delle automobili.

Vediamo piu’ da vicino in cosa consistono questi cambiamenti.

Innanzi tutto resta invariata la norma per la quale il primo controllo deve avvenire dopo 4 anni dalla prima immatricolazione e successivamente ogni 2 anni. Sarà invece costretto a revisione il veicolo che ha raggiunto 160 mila chilometri anche se non sono passati 4 anni.

Il veicolo incidentato e con danni seri dovrà obbligatoriamente passare la revisione dopo essere stato in riparazione.

Nessun cambiamento neanche per ciò che riguarda le tariffe: circa 45 euro se il controllo avviene attraverso la Motorizzazione Civile e circa 66 euro nei centri privati convenzionati.

La revisione sarà affidata ad un personale specializzato e formato a dovere.

Ma ciò che ha destato maggior curiosità è sicuramente il nesso instauratosi tra revisione auto e bollo auto.

Da ora in poi sia gli uffici della Motorizzazione Civile che i centri revisione dovranno controllare che i proprietari delle autovetture siano in regola con il pagamento della tassa di proprietà e di circolazione e non siano in stato di fermo amministrativo.

Se non risulterà tutto regolare la revisione non potrà essere fatta e di conseguenza la vettura non potrà circolare.

Il proprietario del mezzo dovrà dunque regolarizzare i suoi pagamenti per fare la revisione ed usufruire della sua macchina.

Al termine della revisione verrà redatto un verbale nel quale si potrà leggere l’esito dell’esame e tutte le informazioni riguardante il veicolo. A controllo superato verrà rilasciato un tagliando adesivo.

Per la mancata revisione è previsto dal Codice della Strada una multa che va da 159 a 639 euro che può salire se la revisione non avviene da anni e il ritiro del libretto di circolazione.

Far revisionare regolarmente il proprio veicolo vuol dire garantire sicurezza a tutti e migliorare il rendimento del proprio mezzo.

Auto italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *