22 November 2019

Magazine indipendente sui motori

Magazine indipendente sui motori

Partito il conto alla rovescia per la nuova Mustang elettrica.

Ford, sta creando enormi aspettative intorno alla nuova auto, una Mustang con motore elettrico che si prepara a portare la compagnia nel settore.

Sarà presentata il 18 novembre la crossover elettrica della Ford, modello sportivo del quale è stato rilasciato soltanto un disegno che ne illustra le linee, disegno che trovate come foto principale di questo articolo.

Quel poco che si riesce a comprendere, è la natura fortemente sportiva della nuova Ford, un mezzo che non manca di mostrare le linee dell’auto USA.

Quando si parla di Ford le aspettative sono davvero elevate.

Tra i dettagli tecnici emersi, si parla inoltre di 600 Km con una ricarica, un’autonomia tra le più elevate tra le auto attualmente disponibili sul mercato.

Si parla poi di una trazione posteriore e integrale che prende il nome Ford Mach E.

La nuova Mustang va quindi ad unirsi al mercato delle elettriche, un settore particolare che potrebbe rivelarsi un passo falso per l’industria.

Le emissioni delle auto elettriche sono bassissime, quello ce viene ignorato però sono le emissioni che nascono dal fabbisogno energetico e, in generale dai costi di produzione dell’elettricità.

Le auto elettriche non fanno altro che spostare a monte il problema, illudendo gli utenti di acquistare un’auto ecologica.

Almeno che non si passi a energie verdi e rinnovabili, l’utilizzo del petrolio per produrre elettricità, o per alimentare le auto in modo diretto, farà davvero poca differenza.

Un problema che, presto o tardi, l’industria delle quattro ruote dovrà affrontare in modo diretto.

Le auto elettriche infatti sono sì ecologiche, ma solo se supportate da una produzione di elettricità a sua volta a impatto zero.

In caso contrario, ci troviamo semplicemente di fronte a uno spostamento delle responsabilità e a un tentativo di tenere in piedi il mercato senza portare a una soluzione vera e propria.

Auto italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy Policy